Italiano

Italiano (43)

 

 

 

Thursday, 04 August 2016 07:01

Giornata conclusiva del Capitolo

Written by

Relazione del 28° giorno - domenica 31 luglio 2016

Le Capitolari e le suore della comunità della Casa Generalizia hanno partecipato alla Celebrazione Eucaristica di accoglienza del nuovo Governo Generale, presieduta da Sua Ecc. Monsignor José Rodriguez Carballo, OFM, Segretario della CIVCSVA e concelebrata da P. Ronilson Braga, sj.

La celebrazione è stata un momento di fede e speranza. All’inizio della celebrazione c’è stato un ringraziamento a Madre Chiara, che ha portato all’altare una candela accesa, Madre Miriam e il nuovo Consiglio. Avvicinandosi all’altare, Madre Chiara, con un gesto simbolico, molto significativo, ha consegnato a Madre Miriam la candela ed ella l’ha deposta nel luogo appositamente preparato davanti all’altare.

Monsignor José Rodriguez Carballo, all’inizio della celebrazione, ha ringraziato Madre Chiara, a nome di tutta la Chiesa, per la missione svolta come guida dell’Istituto e anche per la significativa collaborazione offerta attraverso il suo lavoro con le religiose negli Stati Uniti; inoltre, ha accolto il nuovo Governo Generale, augurando buona missione.

Nell’omelia, ha indirizzato all’assemblea parole di speranza, invitando tutti ad andare sempre avanti con gioia, rispondendo alla chiamata di Dio con rinnovato entusiasmo. Ha richiamato gli atteggiamenti che Papa Francesco da tempo sta dimostrando e indicando per la Vita Consacrata. Per accendere la fiamma della Misericordia di Cristo nel mondo, è necessario uscire dalle nostre paralisi.

Alla fine della celebrazione, Madre Miriam ha offerto la candela, consegnata a lei da Madre Chiara, a Madre Clelia, dirigendosi alla tomba insieme a tutte le suore, che si sono unite a questa offerta e, con le mani giunte, hanno pregato in silenzio.

Dopo la messa, tutti si sono riuniti per festeggiare il  nuovo governo nel cortile della Casa Generalizia e, nel teatrino, è stato servito il pranzo, seguito dalla fest, con canti e fiori offerti a Madre Miriam, Madre Chiara e il nuovo Consiglio.

Al termine del pranzo, Madre Miriam ha ringraziato tutti per l’accoglienza e le preghiere e ha dato qualche avviso. In seguito, alcune Capitolari sono ritornate a Rocca di Papa e altre sono rimaste a Roma, per poi ritornare nelle rispettive comunità.

Rendiamo grazie al Signore perché eterni sono la sua Misericordia e il suo Amore.

Saturday, 30 July 2016 09:06

Ventiseiesimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 26° giorno - venerdì 29 luglio

Le Capitolari hanno cominciato la giornata con le Lodi e la Santa Messa.

La celebrazione è stata un momento di ringraziamento a Dio per tutti i benefici e le grazie che Lui ha riversato costantemente nella vita dell’Istituto, e soprattutto per tutto il lavoro realizzato in questo mese, durante il XVII Capitolo Generale. 

Un ringraziamento speciale è stato rivolto a Madre Clare e al suo Consiglio per il servizio svolto nel periodo del loro governo. Inoltre è stato un momento di ringraziamento alle suore della comunità di Rocca di Papa, alle juniores e a tutte le suore delle altre comunità che hanno lavorato nella segreteria tecnica, nella decorazione degli ambienti, nell’animazione liturgica, nel servizio della cucina, del refettorio e della lavanderia, le quali hanno offerto alle Capitolari un sostegno significativo, che ha permesso loro di svolgere il proprio lavoro con tranquillità. Un ringraziamento particolare è stato rivolto a P. Gonzáles Santiago, che ha svolto il ruolo di Facilitatore nel Capitolo, e a Suor Mariette Moan e Suor Carmen Cestonaro, che sono state le Moderatrici durante lo svolgimento dei lavori capitolari.

All’inizio della Celebrazione Eucaristica, sono state introdotti il quadro del Sacro Cuore di Gesù, l’icona del XVII Capitolo Generale, il quadro della Madonna e di Madre Clelia, che hanno accompagnato le Capitolari in questi giorni di lavoro, riflessione e preghiera.

E’stata invocata anche l’intercessione di Santa Marta, la cui memoria abbiamo celebrato, e abbiamo pregato per Suor Marta che celebrava il suo onomastico.

Nella liturgia, P. Gonzáles ha messo in evidenza che Santa Marta, quando è uscita per andare incontro a Gesù, si è rivolta a Lui in maniera diretta dicendogli: ”Se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto”. Marta interpella Gesù: “Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà”. Marta possiede una grande fede e Gesù gli dà una risposta che conferma la sua fede: “Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?”. E lei risponde al presente: ”Credo”. È nel presente che la nostra risposta deve essere offerta, nell’oggi. Nella prima lettura vi è una espressione molto forte: “Chi non ama, non ha conosciuto Dio”. Su questo punto, la nostra Vita Consacrata deve essere esaminata. A volte l’amore è ridotto a buone maniere ed educazione, ma questo non è amore. La nostra consacrazione deve esprimersi spontaneamente nella gioia e nell’amore. San Giovanni non pensa che Dio è Amore, ma sa che Dio è amore. Se non ci amiamo gli uni gli altri, tutto il resto è menzogna; se non facciamo tutto e non viviamo per amore, non facciamo niente e non siamo niente. 

Al mattino, le Capitolari si sono riunite in assemblea per l’approvazione di alcune decisioni per il prossimo sessennio e, in seguito, si sono riunite secondo le diverse Province per programmare le modalità di trasmissione delle decisioni e dei lavori del Capitolo Generale a tutte le suore.

Successivamente, si sono di nuovo riunite in assemblea per condividere le idee di ogni Provincia, e c’è stato un momento di ringraziamento alle Moderatrici del Capitolo, Suor Mariette Moan e Suor Carmen Cestonaro, fatto da Suor Lorenzina Perniola a nome di tutte le Capitolari, le quali hanno scritto dei biglietti esprimendo la loro gratitudine e li  hanno donati, insieme a due candele decorate con l’icona dell’Anno della Misericordia. 

Madre Miriam ha pronunciato le parole conclusive e ha annunciato che ogni Provincia riceverà in dono da Madre Clare una copia della Positio del Processo di Beatificazione di Madre Clelia. Notizia, questa, che ha fatto esultare di gioia le Capitolari. Con parole di ringraziamento, Madre Miriam ha chiuso i lavori del XVII Capitolo Generale e tutte le Capitolari hanno cantato il Magnificat.

Nel tardo pomeriggio, oltre alle preghiere, hanno pregato la Via Crucis con Papa Francesco e i giovani nella GMG.

In serata, si è tenuto un ringraziamento preparato da una équipe internazionale, ripercorrendo i vari momenti trascorsi insieme nel Capitolo. È stato un momento di gioia, gratitudine e amore fraterno.

Le Capitolari hanno concluso la giornata con la preghiera della Compieta, durante la quale hanno ringraziato il Signore per la Sua presenza, esprimendo il desiderio di ravvivare nel mondo la fiamma della Misericordia, guidate dallo Spirito e accompagnate dalla presenza di Maria e di Madre Clelia. 

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Friday, 29 July 2016 13:50

Venticinquesimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 25° giorno - giovedì 28 luglio 2016

Le Capitolari hanno cominciato la giornata con le Lodi e la Santa Messa. Nella liturgia del giorno, P. Gonzáles ha messo in evidenza l’immagine biblica di Dio come il Vasaio e Israele come l’argilla. Se qualcosa non va bene, Dio può rimodellare il vaso. Lui sa che cosa è meglio per noi. Così, la fiducia in Dio è la via della speranza. In ogni cambiamento, il posto migliore è nelle mani di Dio. Nel Vangelo, Gesù sceglie, per parlare con i discepoli, il loro posto di lavoro e, a partire da lì, insegna loro.  Egli parla anche a noi nella nostra vita quotidiana. Parla dell’esistenza del bene e del male, del giudizio finale, non per infondere paura, ma perché i discepoli siano coscienti del tesoro che hanno ricevuto e lo sappiano amministare. Dio rivolge un invito anche a noi, perché sappiamo amministrare questo tesoro che anche noi abbiamo ricevuto.

La preghiera della mattina è stata animata dalla Provincia dell’Italia Settentrionale. E’ stato preparato un momento di ringraziamento, il cui tema è stato: “Misericordiosi come il Padre”. La preghiera ha condotto ogni Capitolare a mettersi in cammino come pellegrina, attraverso tre passi: ringraziare, chiedere perdono e fare comunione. In questo momento di riflessione, ogni Capitolare ha ricevuto un pezzo di pane e un cuore, che simboleggia la condivisione e l’unità.

Dopo la preghiera, le Capitolari hanno proseguito le attività, dedicando del tempo alla lettura individuale dei documenti che sono stati prodotti durante il mese. Nel pomeriggio, hanno fatto la votazione per l’approvazione del nuovo testo delle Costituzioni - sessione Governo dell’Istituto. La votazione ha riguardato anche altri articoli delle Costituzioni da adattare al nuovo testo, alcuni articoli del Direttorio da adattare al nuovo testo delle Costituzioni e il Piano Congregazionale per il periodo 2016-2022.

Alla fine dei lavori, le Capitolari si sono rallegrate per avere terminato questa tappa e hanno affidato alla Madonna tutti i progetti e i desideri di mettere in pratica quello che il Signore chiede a ciascuna e all’Istituto in questo tempo particolare, per ravvivare la fiamma della Misericordia di Cristo nel mondo. 

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Thursday, 28 July 2016 10:44

Ventiquattresimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 24° giorno - mercoledì 27 luglio 2016

Le Capitolari hanno iniziato la giornata pregando le Lodi e partecipando alla Celebrazione Eucaristica.

Nella sala capitolare, la preghiera è stata animata dalla Provincia del Paraná, che ha preparato un momento di Lectio Divina per le Capitolari. È stata una bella esperienza pregare con la Parola, mettersi in ascolto della chiamata del Signore, gustare la condivisione delle consorelle ed insieme fare la preghiera di intercessione, perdono e ringraziamento, secondo le intenzioni della comunità e del mondo intero, alla luce del messaggio biblico e alla presenza dello Spirito Santo.

La Lectio Divina si è svolta in gruppi, cosicché ciascuna suora ha potuto condividere liberamente la propria esperienza di preghiera.

In seguito, le Capitolari hanno proseguito i lavori per terminare i documenti.

La sera, le Capitolari hanno ascoltato le parole che Papa Francesco ha rivolto ai giovani nella GMG di Cracovia. 

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Wednesday, 27 July 2016 08:28

Ventitreesimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 23° giorno - martedì 26 luglio 2016

Le Capitolari, come ogni giorno, hanno iniziato la giornata pregando le Lodi e partecipando alla Celebrazione Eucaristica.

Nella Santa Messa abbiamo celebrato la memoria dei Santi Gioacchino e Anna e l’onomastico di Suor Anne Theresa Walsh e Suor Annalaura Calvitti. Il sacerdote ha sottolineato che dobbiamo guardare a coloro che ci precedono nel cammino della vita e cogliere sempre gli aspetti positivi. Come è bello vedere i nonni che danno la loro benedizione ai nipoti. I nonni sono la garanzia della fede, che si trasmete di generazione in generazione. Anche nella Vita Religiosa, coloro che hanno più esperienza devono essere segni per gli altri e trasmettere il buon seme alle nuove generazioni. Il buon seme, oltre alla Parola, sono i figli di Dio. Tutti noi siamo invitati a seminare. A volte il male cresce perché smettiamo di seminare, ci scoraggiamo di fronte al male, invece non dobbiamo perdere il coraggio di continuare a seminare. 

Nella sala capitolare, i lavori sono iniziati con la preghiera, animata dalla Vice-Provincia del Cono Sud, che ha messo a tema una riflessione di Papa Francesco sul Vangelo del giorno: la zizzania e il grano, il male e il bene nel mondo. 

L’assemblea è rimasta riunita per rivedere insieme il Piano della Congregazione.

Durante il pranzo, è stato festeggiato l’onomastico delle suore con un dolce americano e dello champagne.

Nel pomeriggio, le Capitolari si sono organizzate in gruppi secondo la lingua. Alcune di loro hanno lavorato singolarmente alla lettura e alla traduzione dei documenti. 

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Tuesday, 26 July 2016 09:13

Ventiduesimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 22° giorno - lunedì 25 luglio

Le Capitolari hanno cominciato la giornata con le Lodi e la Santa Messa.

Nella liturgia abbiamo celebrato la Festa di San Giacomo e l’onomastico di P. Gonzáles Santiago. Nel Vangelo, Gesù spiega agli apostoli la loro missione. La mamma di Giacomo e Giovanni chiede a Gesù di riservare un posto speciale per loro nel suo Regno. Questa richiesta è basata sul pensiero che il Regno di Dio sia un regno terreno, ma non hanno ancora compreso il significato del Regno dei Cieli. E Gesù cerca di spiegare con una domanda: “Siete in grado di bere il calice che io berrò?”. Gli altri apostoli vogliono la stessa cosa, ma non hanno il coraggio di chiedere e Gesù dice loro: “Tra voi non deve essere così”. Perchè loro, ad imitazione del Maestro, devono essere coloro che servono, e servire è dare la vita. Non si deve servire per essere gentili, ma per donare e dare la propria vita.

Nella sala capitolare, i lavori sono iniziati con la preghiera guidata dalla Provincia dell’Italia Settentrionale: il tema centrale, in armonia con la liturgia del giorno, è stato il servizio e la necessità per ciascuna di riconoscersi come un vaso di terracotta, che porta dentro di sé un prezioso tesoro, la Trinità. Successivamente, le Capitolari si sono riunite in gruppi, per lavorare sulle modifiche di alcuni articoli del Direttorio.

Durante il pranzo, è stato offerto un dolce brasiliano a P. Gonzáles che festeggiava il suo onomastico.

La sera, durante la ricreazione, è stato celebrato il “Natale a luglio”: alcune Capitolari, insieme ad alcune altre suore, hanno rappresentato alcuni personaggi del presepio. E’ stato un momento di creatività, fraternità e gioia.  

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Monday, 25 July 2016 10:57

Ventunesimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 21° giorno - domenica 24 luglio 2016

Questa domenica è stato un giorno speciale di pellegrinaggio, preghiera e riflessione. Al mattino, le Capitolari, insieme a P. Gonzáles e alle suore presenti a Rocca di Papa per il servizio, hanno fatto visita al Santuario della Madonna del Divino Amore a Roma.

Nella storia di questa devozione si narra che, nel secolo XII,  in quel luogo si trovava la casa della famiglia Savelli-Orsini chiamata Castel di Leva. Sulla torre del castello vi era un’immagine della Madonna seduta in trono con in grembo il Bambino Gesù, sormontata da una colomba, simbolo dello Spirito Santo che scende su di lei. Tale immagine è stata molto venerata dai pastori della regione.

La prima grazia è avvenuta nel 1740: un pellegrino diretto a Roma fu attaccato dai lupi e pensò che sarebbe stato ucciso, ha guardato l’immagine e ha chiesto aiuto alla Madre di Dio e subito i lupi si fermarono e fuggirono per i campi. Dopo questo segno della presenza di Maria, ci sono stati molti altri miracoli in questo luogo.
Nel 1944, la città di Roma si trovava in grave pericolo, sotto l’assedio delle armate tedesche. Il popolo romano fece un voto di conversione e la promessa di costruire un nuovo santuario, chiedendo la liberazione della città. La Madonna ha compiuto il miracolo e Roma è stata liberata. Dopo la guerra è stato costruito un nuovo santuario dedicato alla preghiera e all’adorazione, centro culturale dove si svolgono anche opere di carità e di apostolato.

Il 1° maggio 1979, Papa Giovanni Paolo II ha visitato il santuario e lo ha definito " il Santuario Mariano di Roma".
In questo ambiente sacro, le Capitolari e le altre suore hanno avuto la possibilità di partecipare alla Celebrazione Eucaristica, momenti di adorazione, confessione, preghiera del Santo Rosario e visita alla mostra di immagini mariane da tutto il mondo.
E' stato un momento forte di preghiera e di interiorizzazione, di arte e bellezza che esprime la presenza di Dio.

Durante il pranzo, c’è stato un omaggio offerto dalla GFASC di Roma (due crostate di fragole e champagne) nella persona dei coordinatori Elio Arena e Lucia Gallo, che hanno partecipato al pranzo con le suore condividendo la gioia della fraternità e hanno espresso il loro ringraziamento a Madre Chiara e la loro accoglienza a  Madre Miriam.

La sera, durante la ricreazione, c'è stato una premiazione: infatti ogni Capitolare era stata invitata a realizzare la sua autobiografia con immagini e parole, per esprimere ciò che è più importante per lei (vita, missione). Le autobiografie sono state esposte per un paio di giorni ed è stata fatta una votazione.

Le autobiografie vincenti sono state:
1. Suor Lucia Soccio.
2. Suor Maria Zelinda Cardim
3. Suor Maria Fernanda Trucco Alemán.

Congratulazioni alle vincitrici e a tutte per la partecipazione. Grazie a Madre Chiara che ha proposto questa dinamica: è stato un momento di condivisione e di gioia, che ha aiutato le Capitolari a conoscersi meglio.

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Monday, 25 July 2016 06:08

Ventesimo giorno del Capitolo

Written by

Relazione del 20° giorno - sabato 23 luglio 2016

Le Capitolari hanno cominciato la giornata partecipando alla Santa Messa. P. Gonzáles, ha invitato a rinnovare la fiducia nel Signore e a coltivare la certezza che, se rimaniamo in Lui, tutto ciò di cui abbiamo bisogno ci sarà dato. Inoltre, abbiamo celebrato nella liturgia la festa di Santa Brigida, patrona d’Europa: una donna giovane, che ha avuto una vita di intensa preghiera e ha vissuto profondamente la Parola di Dio, diventando così segno del Regno di Dio.

I lavori del giorno hanno avuto inizio nella sala capitolare con la preghiera animata dalla Vice-Provincia Centro Nord del Brasile. La riflessione è stata centrata sull’invito: “Fate quello che Lui vi dirà”. Ogni Capitolare è stata invitata ad offrire “l’acqua della sua vita” perché Gesù la trasformi in vino, e ognuna ha risposto a questo invito, nel luogo dove erano state preparate delle brocche.

Dopo la preghiera, le Capitolari sono rimaste in assemblea, per la lettura e la condivisione dei lavori sul piano di evangelizzazione. È stata letta in assemblea la lettera che i Laici Cleliani hanno inviato con la richiesta di preghiere a Madre Clelia e la lettera dei bambini della Scuola Sociale Madre Clelia di Curitiba – PR – Brasile, che verranno deposte alla tomba e nella camera di Madre Clelia.

Le attività si sono concluse davanti al Signore con la preghiera di Compieta. 

Clicca su "read more" per visualizzare la gallery

Saturday, 23 July 2016 13:27

Saluto delle Capitolari

Written by

Friday, 22 July 2016 19:53

Elezione del nuovo Consiglio Generale

Written by

Sr. Anne Theresa Walsh, Sr. Lucia Giussani, Madre Miriam Cunha Sobrinha, Ir. Maria de Lourdes Castanha, Sr. Lucia Soccio.

 

Madre Miriam Cunha Sobrinha

È nata a Várzea R/N - Brasile il 15 agosto 1965. È entrata nell’Istituto nel 1989 e ha fatto la sua formazione nella Provincia di San Paolo. Nel 1994 ha iniziato lo juniorato interno a Roma e nel 1998 ha emesso la sua professione perpetua ad Avezzano – Italia. Ha conseguito il diploma di laurea in scienze religiose e poi il baccalaureato in Filosofia presso il Pontificio Ateneo Antonianum – Roma. Ha conseguito la laurea in Teologia - Sezione Scienze della Religione presso la Pontificia Università Lateranense – Roma

Ha lavorato nell’area amministrativa di varie scuole, ha fatto parte della pastorale vocazionale e ha aiutato anche nel coordinamento dell’educazione religiosa. Ha lavorato nella pastorale degli immigrati in una scuola materna in Svizzera. È stata Segretaria Provinciale della Provincia di San Paolo, Vice-Provinciale della Vice-Provincia del Centro Nord per tre anni e, in seguito, ha assunto per due trienni la missione di Superiora Provinciale della Provincia di San Paolo – Brasile.

Il 21 luglio 2016 è stata eletta Superiora Generale dell’Istituto delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù.

Sr. Anne Theresa Walsh

È nata a New Haven, Connecticut, il 3 Maggio 1963. Ha conseguito il diploma presso il Sacred Heart Academy, un liceo delle Apostole, e ha conseguito la laurea in Informatica e in Matematica presso la  Southern Connecticut State University. Sr Anne ha conseguito il master in Informatica Educazionale presso la Faifield University in New York e un altro master in Spiritualità e Direzione spirituale nella Fordham University in New York. Ha insegnato matematica, informatica e religione nelle scuole primarie, medie e secondarie.

Nel 1998 ha studiato cinese mandarino presso l’Università Fu-Jen a Taipei, Taiwan, per due anni, prima di aprire la prima missione delle Apostole in Asia a Kaohsiung, Taiwan. È stata Superiora ed ha insegnato inglese e religione alla St. Paul School in Kaohsiung. È tornata negli U.S.A. nel 2004 con l’incarico di maestra delle novizie ed ha fatto parte dell’équipe formatrice per 8 anni. Nel 2006 è stata nominata Vicaria della Provincia degli Stati Uniti e Provinciale nel 2013.

Sr Anne ha fatto parte del Consiglio dell’Unione delle Superiore Maggiori della Congregazione Femminile (CMSWR) in questi ultimi 5 anni e da 2 anni è Assistente della Presidente di detto Consiglio.

Ha partecipato al Capitolo Provinciale come delegata nel 2004 e membro Ex-officio nel 2010 e nel 2016. È stata eletta delegata al Capitolo Generale del 2010.

Sr. Lucia Giussani

Superiora della comunità presso l’Istituto Cor Jesu di Milano dal 2014, è nata a Credera Rubbiano (Cremona) il 21 luglio 1951.

È entrata nell’Istituto nel 1968 a Milano, dove ha compiuto la formazione iniziale e ha emesso la prima Professione nel 1971. Ha emesso i voti perpetui nel 1976 a Roma.

Ha conseguito nell’Istituto il diploma di Maturità Magistrale nel 1976 a Roma dove ha fatto lo Juniorato. Ha conseguito il Magistero in Scienze Religiose a Roma nel 1996.

Ha svolto attività di insegnamento nella scuola elementare di Roma e in quella di Milano, Istituto Cor Jesu, fino al 1987. Dal 1987 è stata Maestra delle Postulanti, poi Maestra delle Juniores, quindi delle Novizie, fino al 2005. È stata anche Consigliera Generale dal 1992 al 1998. 

Nel 2005 è stata nominata Superiora Provinciale della Provincia dell’Italia Settentrionale, mandato che ha svolto per nove anni, fino al 2014. Durante il suo mandato, la missione del Benin è stata affidata alla Provincia dell’Italia Settentrionale e vi si è recata periodicamente, almeno due volte all’anno, aprendo una nuova comunità a Bohicon e dando inizio alla formazione iniziale con il Postulato e il Noviziato. Ha avviato i progetti di costruzione della scuola materna a Bohicon e di quella a Calavi.

Da due anni è responsabile della comunità presso l’Istituto Cor Jesu di Milano.

Ir. Maria de Lourdes Castanha

È figlia di Dinarte Castanha e Olivia Carlessi ed è nata a São Lourenço d’Oeste – SC il 10/01/1953. È entrata nella Congregazione delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù nel 1971. Ha emesso la prima professione il 10/02/1974 e i voti perpetui il 13/01/1980; ha celebrato il giubileo d’argento il 13/03/1999.

Dal mese di agosto 2015 fa parte della comunità Caritas Christi a Curitiba. Nel periodo compreso tra gennaio e luglio ha risieduto nella comunità San Giuseppe, dopo aver lasciato la funzione di Superiora Provinciale. Esercita il suo lavoro come infermiera direttrice del Servizio infermieristico all’Ospedale Pequeno Principe. È laureata in Infermieristica (PUC) - PR), in Psicologia (USC - Baauru), è specializzata in Infermieristica di emergenza (PUC - PR) e ha conseguito il master in Infermieristica (UFPR).

Ha servito come Superiora, Consigliera provinciale e Superiora Provinciale. Nella missione apostolica è stata un’insegnante di catechismo, di religione in una delle nostre scuole e anche insegnante di Infermieristica di Prima Cura nella facoltà dell’ospedale dove ha lavorato. È stata per un paio d’anni infermiera clinica e dal 1984 ha sempre lavorato come infermiera caposala o direttrice di cura. Nell’agosto 2015 è stata inviata nuovamente all’Ospedale Pequeno Principe, riprendendo il lavoro di direttrice di cura, servizio che ha svolto per 15 anni prima di diventare responsabile della Provincia.

Sr. Lucia Soccio

Nata a S. Marco in Lamis (FG) il 05 gennaio 1969, è infermiera e lavora nell’Unità Operativa di Oncologia dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di S. Giovanni Rotondo (FG) dal 2012. Ha fatto la prima Professione religiosa nel 1995, e la professione perpetua nel 2000.

Dal 1998 al 2001 ha svolto il ruolo di educatrice dell’Istituto Assistenziale per minori ad Avezzano. Per tre anni ha svolto il ruolo di coordinatrice del tirocinio per studenti infermieri. Per due anni è stata membro del Comitato Etico Ospedaliero.

Dal 2011 è a servizio della Provincia come consigliera e responsabile della Pastorale Giovanile e Vocazionale.

Dal 2014 svolge il servizio di superiora della comunità ospedaliera, animatrice liturgica, Responsabile del gruppo giovani “Oasi di Gioia” e collaboratrice del Gruppo di Preghiera di Padre Pio di S. Giovanni Rotondo (FG).

Titoli di studio: Diploma di Contabile Aziendale e Laurea di I livello in Infermieristica. Ha frequentato per due anni l’Istituto di Scienze Religiose presso la Pontificia Università Lateranense (Roma) e tre anni di corso per Animatori Liturgici presso la Scuola di Musica Sacra Diocesana di Bari-Bitonto.

Page 1 of 4